Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio10192017

Last update08:21:12 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

La "Guerra Bianca in Adamello"... gli studiosi e gli storici dimenticati

povinelli-adamello

Di questi ultimi tempi Provincia, Comunità di valle, Centri studi, Sezioni S.A.T. e Associazioni culturali varie si sono impegnate sul progetto che ricorda il centenario della prima grande guerra. Ciascuno ha dato lustro ed enfatizzato le proprie iniziative......come testimoniano articoli e interventi apparsi su quotidiani e riviste.
E ci si trova davanti a personaggi di primo pelo, che di colpo si sono inventati la storia. Per questo fa male vedere persone che, al di là delle celebrazioni dei centenari e di altri episodi fondati su remunerazioni e quant'altro come ci capita di constatare, si erano dedicate per passione, al recupero di quelle vicende, pubblicandole in proprio con rischi e sacrifici anche economici. Il riferimento è a Viazzi, a Dante Ongari - forse la persona più illuminata dell'intera Val Rendena - a Vittorio Martinelli, a Danilo Povinelli....... Dopo le prime guide, dei tedeschi e del Battisti, furono loro a far conoscere la Val Genova, l' Adamello, la "GUERRA BIANCA". Di loro non si parla mai.

Sono emblematiche le pagine 10 e 11 apparse sul Giornale delle Giudicarie. Dire che Danilo Povinelli è rimasto amareggiato è dire poco. Nemmeno un accenno al suo lavoro. Ha trascorso una vita, fin da bambino, sui ghiacciai dell'Adamello e della Presanella insieme al padre Onorio e al fratello Paolo, come recuperante. Di quell'ambiente conosce ogni anfratto, che più tardi raccontò e documentò in fotografie straordinarie. Insieme a Martinelli scrisse i primi libri su quella zona, i quattro volumi " ADAMELLO, IERI E OGGI " ormai introvabili. Ha conosciuto vari combattenti sia italiani che austriaci che gli hanno fatto dono di migliaia di immagini scattate da loro durante il conflitto. Ha ancara in mano il diario del tenente medico dott. Carcano; possiede una collezione di cartoline originali dell'epoca, sia della Croce Rossa Italiana che di quella Austriaca, e una biblioteca di volumi del tempo, con riviste Italiane e Austriache, che aiuterebbero molto a capire quei tempi. Si spera che non averlo interpellato sia dovuto a una dimenticanza, o a una mancata conoscenza che ai giovani si può perdonare.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna