Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer08152018

Last update07:25:59 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Catturata e radiocollarata una giovane orsa in val Rendena

Catturata e radiocollarata una giovane orsa in val Rendena

Nell'ambito delle attività di monitoraggio dell'orso attualmente condotte nella bassa val Rendena...

A Ferragosto Vecchia Rendena... come eravamo quattro passi fra vecchi mestieri e usanze. A Bocenago un tuffo nel passato

A Ferragosto Vecchia Rendena... come eravamo quattro passi fra vecchi mestieri e usanze. A Bocenago un tuffo nel passato

Rivivere il passato, dare senso al presente, credere nel futuro.Questi gli elementi con cui, da...

Dalle Dolomiti all'Etna: Franz Zipper il premiato 2018 della Solidarietà alpina

Dalle Dolomiti all'Etna: Franz Zipper il premiato 2018 della Solidarietà alpina

Un grande ponte dalle Dolomiti di Brenta e dai ghiacciai dell'Adamello all'Etna e ai Nebrodi, uno...

A S.Antonio di Mavignola la 41esima edizione della Rampagada e Festa Campestre al Parco ai Sass

A S.Antonio di Mavignola la 41esima edizione della Rampagada e Festa Campestre al Parco ai Sass

Sabato 11 agosto a Sant'Antonio di Mavignola è in programma la tradizionale "Rampagada", gara di...

Notizie val Rendena

Madonna di Campiglio: trovati 10 lavoratori in nero e tre irregolari in un hotel. Sanzione di 180 mila euro per il gestore

guardia-di-finanzaDieci lavoratori in nero e tre irregolari in un noto albergo a 4 stelle di Madonna di Campiglio gestito da una società di Roma. I controlli della Guardia di Finanza di Tione hanno portato alla luce una grave situazione di illegalità.
Per la somministrazione del personale di sala, bar, cucine e pulizie impiegato nell'albergo il gestore ha sostenuto di aver stipulato un contratto con una cooperativa, della quale però i lavoratori interessati non avevano mai sentito parlare.
Il contratto, rivelatosi irregolare, era stato stipulato unicamente per poter godere dei vantaggi economici previsti per le prestazioni rese da cooperative, i cosiddetti "appalti di manodopera", che si applicano però quando le prestazioni di lavoro vengono svolte secondo certi requisiti, che in questo caso mancavano.
I lavoratori sono risultati tutti ignari dell'esistenza della cooperativa, pertanto il rapporto instauratosi tra cooperativa e società gestrice dell'attività alberghiera è stato ricondotto a una mera interposizione in favore di quest'ultima, creata al solo scopo di produrre buste paga nettamente svantaggiose per i lavoratori e vantaggiose invece per l'imprenditore committente.
Al termine dell'attività sono stati segnalati all'INPS e al Servizio Lavoro della Provincia dieci lavoratori completamente in nero e tre lavoratori irregolari, per la riqualifica della propria posizione retributiva e contributiva, a favore dei quali sono state ricostruite le giornate effettivamente prestate e quasi seicento ore di lavoro mancanti dalle scritture obbligatorie. La sanzione, per la società che gestisce l'albergo, ammonta a 180.000 euro.