Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio08162018

Last update09:55:45 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
8.000 visitatori alla 32^ edizione di Vecchia Rendena come eravamo, quattro passi fra vecchi mestieri e usanze

8.000 visitatori alla 32^ edizione di Vecchia Rendena come eravamo, quattro passi fra vecchi mestieri e usanze

Un successo. Difficile definire altrimenti la 32esima edizione della manifestazione "Vecchia...

Catturata e radiocollarata una giovane orsa in val Rendena

Catturata e radiocollarata una giovane orsa in val Rendena

Nell'ambito delle attività di monitoraggio dell'orso attualmente condotte nella bassa val Rendena...

A Ferragosto Vecchia Rendena... come eravamo quattro passi fra vecchi mestieri e usanze. A Bocenago un tuffo nel passato

A Ferragosto Vecchia Rendena... come eravamo quattro passi fra vecchi mestieri e usanze. A Bocenago un tuffo nel passato

Rivivere il passato, dare senso al presente, credere nel futuro.Questi gli elementi con cui, da...

Dalle Dolomiti all'Etna: Franz Zipper il premiato 2018 della Solidarietà alpina

Dalle Dolomiti all'Etna: Franz Zipper il premiato 2018 della Solidarietà alpina

Un grande ponte dalle Dolomiti di Brenta e dai ghiacciai dell'Adamello all'Etna e ai Nebrodi, uno...

Notizie val Rendena

Ciao piccola Giorgia... la lettera di un amico

giorgia Dietre

È stata una lunga e brutta giornata...

Oggi si celebravano i funerali della piccola Giorgia, sapendo di non poterci essere per motivi di lavoro,al mattino presto sono andato a salutarla nella camera ardente.

Resto immobile infondo ai suoi piedi, è circondata di parenti, io recito un paio di preghiere fra me e me mentre gli occhi stanno per traboccare di lacrime mi avvicino alla sua mamma e l'abbraccio forte, piangendo le dico:" mi spiace, sia orgogliosa della sua bimba, GIORGIA era brava, educata."

Lei si aggrappava a me, chiedeva alla sua bimba di alzarsi,di tornare dalla sua famiglia, dai suoi amici, da chi l'ha conosciuta ed apprezzata.

sono riuscito a rimanere ancora qualche istante ma lo sconforto era troppo e sono uscito dall'ospedale in un lago di lacrime.

Al lavoro, pur essendomi ricomposto un po' si assaporava l'aria di arresa che davanti a tale tragedie scuote anche chi ha solo sentito la notizia non conoscendo la vittima.

Qualche parola tra noi per tenerci su di morale a vicenda e la giornata di lavoro scorre via.

Sono le 17, il mio cuore mi dice che devo un ultimo saluto a quel pulcino biondo e sorridente che aveva sempre un saluto per me, mi reco a pinzolo, cerco il cimitero ed entro, con lo sguardo perso nel vuoto fisso gli operai che concludono la sistemazione della terra sopra di lei, senza controllo scendono lacrime.

Resto solo davanti alla foto di un'amica che sembra mi sorrida,in un silenzio irreale la bacio come qualche volta mi è successo di fare fino a qualche giorno fa.

Onorato di averti conosciuto mi giro e me ne vado con il cuore e la testa piena di ricordi ti saluto .

Ciao piccola Giorgia

 

Un amico