Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Thu11272014

Last update09:31:12 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Folla all'inaugurazione del Museo delle Palafitte di Fiavè

MUSEO PALAFITTE FIAVE inaugurazione 1

Il gran giorno del Museo delle Palafitte di Fiavé è arrivato. Parte della grande rete dei musei e dei siti palafitticoli dell'arco alpino, entrata lo scorso anno del Patrimonio mondiale dell'Unesco, il Museo di Fiavè, preziosa testimonianza della vita umana tra il tardo Neolitico e l'età del Bronzo, è stato inaugurato oggi pomeriggio, alla presenza di un foltissimo pubblico e di numerose autorità, fra cui l'assessore alla cultura della Provincia autonoma di Trento, Franco Panizza e il sindaco di Fiavé, Nicoletta Aloisi.

Alla cerimonia è intervenuto anche Cyril Dworsky, rappresentante della Presidenza, assegnata all'Austria per il 2012, del gruppo di lavoro internazionale del sito Unesco "Siti palafitticoli preistorici dell'arco alpino" che include, assieme alle palafitte di Fiavé, anche quelle di Ledro. Un patrimonio restituito alla comunità, dunque, quello delle palafitte di Fiavè, ed un Museo che, con le altre realtà museali e culturali della provincia e con gli altri 110 siti palafitticoli "targati" Unesco, offrirà un contributo importante all'intero Trentino, sul piano culturale, scientifico, ma anche economico e turistico.

E' stato l'abbraccio della folla, sulle note della Banda Intercomunale del Bleggio, a salutare oggi l'inaugurazione del Museo delle Palafitte di Fiavè. Una folla entusiasta e partecipe, che con il suo calore ha offerto la migliore testimonianza di quanto questa struttura fosse attesa. Anche il maltempo ha dato tregua, consentendo a grandi e piccini di partecipare pienamente a quella che è stata una vera e propria festa del passato ritrovato. L'assessore provinciale alla cultura Franco Panizza lo ha sottolineato nel suo discorso, con il quale si apriva la Settimana della cultura, (inaugurata due anni fa con l'apertura di castel Thun), portando i saluti di tutta la Giunta provinciale: "Le tante persone accorse qui oggi sono il segno inequivocabile di come la comunità in tutte le sue componenti senta l'importanza di questo Museo - ha detto Panizza - . Ci sono le associazioni, c'è il mondo della cultura, ci sono soprattutto tantissimi cittadini. Bisogna conoscere il proprio passato, le proprie radici; se non lo si fa, non si conosce neanche il presente e non si può immaginare il futuro. Questa struttura, animata da uno spirito divulgativo ed educativo, ci aiuta a recuperare il senso della nostra storia più remota e in rete con le altre realtà museali e culturali costituisce anche un ulteriore elemento del 'marchio trentino', quindi una carta in più da spendere per rafforzare la nostra capacità competitiva, assieme all'ambiente, assieme ai prodotti del territorio, assieme a tutti gli altri punti di forza delle Giudicarie e dell'intera provincia. Noi restituiamo oggi alla comunità un patrimonio importante. Ma la sfida inizia adesso: dobbiamo far sì che questo museo sia una struttura viva, innovativa, aperta agli stimoli e alle proposte della società. Un grazie particolare a tutti coloro che si sono adoperati per far sì che questo sogno si concretizzasse, a partire dagli scavi, dalle ricerche e dal lavoro scientifico; grazie in particolare la Soprintendenza per i beni archeologici, perché non è stato facile portare a termine un lavoro così complesso, superando anche problemi tecnici e burocratici, ed inoltre al Servizio conservazione della natura. Anche in questa occasione la Provincia si è dimostrata davvero una grande squadra, organizzata e di qualità. Oggi si apre la Settimana della cultura: ci sono 110 eventi in programma, 24 le istituzioni coinvolte, insomma, una marea di iniziative in tutto il Trentino. Dobbiamo esserne orgogliosi, perché una società che sa investire sulla cultura e sulle idee è una società che sa affrontare anche la crisi."

Il sindaco Nicoletta Aloisi a sua volta ha ringraziato tutti coloro che si sono adoperati "per la realizzazione di un sogno iniziato vent'anni fa e lungamente coltivato da tutta la popolazione." Un grazie particolare è stato rivolto inoltre alla figura del maestro Renato Perini, 'padre' delle palafitte di Fiavè e primo responsabile degli scavi che si sono succeduti dal 1969. "Con la riqualificazione della torbiera e la realizzazione del parco adiacente al Museo - ha detto ancora il sindaco - e in collaborazione con il sito di Ledro, si aprono ora opportunità di crescita culturale e economica per tutto il territorio".

Il rappresentante dell'Unesco Cyril Dworsky ha ricordato come "a giugno sarà trascorso un anno dal riconoscimento ottenuto dai 111 siti palafitticoli preistorici europei. L'attenzione e l'affetto dimostrato finora dal pubblico e dagli organi di informazione è stato grande; ma dobbiamo insistere per creare una rete solida e durevole fra queste realtà. Questa rete in parte già esiste sul piano scientifico, dobbiamo far sì che si consolidi anche sul piano operativo e delle collaborazioni."

Dopo i discorsi, la visita ai locali del Museo e al biotopo Fiavé-Carera, per ritrovarsi finalmente faccia a faccia con la Storia, anzi, con la Preistoria. (mp)