Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mar08222017

Last update08:24:28 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pinzolo non è assolutamente un paese malato. La lettera del Sindaco Cereghini ai giovani

Pinzolo non è assolutamente un paese malato. La lettera del Sindaco Cereghini ai giovani

Ha suscitato molto clamore la lettera inviataci da un gruppo di ragazziieri. La  "Chiusura...

Chiusura notturna di Giorgio il Fornaio, sintomo di un paese malato. La lettera di un gruppo di giovani di Pinzolo

Chiusura notturna di Giorgio il Fornaio, sintomo di un paese malato. La lettera di un gruppo di giovani di Pinzolo

Abbiamo notato grande dispiacere, che il locale "Giorgio Il Fornaio" non sarà più aperto la notte...

Poligono giapponese, le azioni di contenimento messe in campo da Rete di Riserve alto e basso Sarca e comune di Pelugo

Poligono giapponese, le azioni di contenimento messe in campo da Rete di Riserve alto e basso Sarca e comune di Pelugo

Cogliendo spunto dall'articolo "poligono giapponese un extracomunitario indesiderato",...

Il Poligono Giapponese, un ospite indesiderato del Parco Naturale Adamello Brenta

Il Poligono Giapponese, un ospite indesiderato del Parco Naturale Adamello Brenta

Si chiama " Poligono Giapponese " ( Fallopia Japonica ) , in Inghilterra è reato anche solo...

Notizie val Rendena

Le chiavi del paese agli ospiti più affezionati di Giustino. Per i nove premiati anche un'acquaforte dell'artista Paolo Dalponte

Chiavi del Paese a Giustino

Una cerimonia ufficiale presieduta dal sindaco di Giustino Jospeh Masè e dall'assessore alla cultura Carmen Turri ha visto ieri pomeriggio la consegna delle Chiavi del Paese agli ospiti della località che da più tempo, regolarmente, ogni anno vivono il borgo e la sua comunità.
A 9 ospiti fedelissimi frequentatori della località è stato consegnato un riconoscimento: simbolicamente le chiavi del paese con una pergamena che ricorda le motivazioni del riconoscimento e, in dono, una preziosa acquaforte dell'artista Paolo Dalponte che vede come soggetto la chiave e il campanile del paese, a testimonianza e ringraziamento per il legame che hanno costruito da oltre 25 anni con il borgo della Val Rendena e la sua gente.
"Un premio all'attaccamento - ha spiegato il sindaco di Giustino Joseph Masè alla cerimonia – all'amicizia, all'affetto che unisce alcuni ospiti speciali alla nostra comunità. Ciascuno di noi affida le chiavi della propria casa ai familiari, agli amici, a quelle persone che godono della nostra fiducia e della nostra stima ed ecco che oggi l'intera comunità vi porge le chiavi della propria casa in segno di riconoscimento e di gratitudine per avere contribuito alla crescita culturale, sociale, economica di Giustino". Ognuno degli ospiti è stato infatti segnalato all'amministrazione comunale con una relazione che argomentava le ragioni della candidatura guardando non solo ai lunghi anni di frequentazione continuativa della località ma anche ai gesti di generosità, al legame profondo e di rispetto instaurato con il territorio, la popolazione e le sue tradizioni. "Penso che il trovarci qui questa sera sia un po' come trovarsi in famiglia – ha salutato i presenti l'assessore Carmen Turri - ed è proprio questo il senso che vuole trasmettere questa iniziativa, farvi sentire a casa vostra pur essendo per voi una seconda casa".
Una mostra a tema, dedicata proprio alle "chiavi del paese" è stata inaugurata per l'occasione con i quadri dell'artista Dalponte e di otto suoi allievi del corso di disegno che da anni è attività consolidata e amata a Giustino. La mostra sarà visitabile fino al 20 agosto, dalle 17 alle 19 e dalle 20 alle 22, nella sala mostre, recentemente rinnovata, al piano terra del Municipio di Giustino.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna