Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio09202018

Last update12:01:31 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Chi viene e chi va! A Spiazzo a Casa Moresc ShowRoom di Rendena StartUp

Chi viene e chi va! A Spiazzo a Casa Moresc ShowRoom di Rendena StartUp

Il 21 settembre ritorna "Showroom" il nuovo format degli appuntamenti di Rendena StartUp!.Nella...

Al Golf Club Rendena grande successo per Stars on green by texbond

Al Golf Club Rendena grande successo per Stars on green by texbond

Grandissimo successo per lo straordinario evento andato in scena domenica scorsa 9 settembre al...

Notizie val Rendena

Pinzolo: 12 giugno 1968 – 12 giugno 2018, 50 anni di Funivie

Primi impianti Funivie Pinzolo - Val Rendena

"Con atto in data 12 giugno 1968 è stata costituita a Pinzolo (Trento) la società Funivie Pinzolo – Doss del Sabion. La società ha per oggetto di contribuire al progresso economico della Valle Rendena, con l'incremento del turismo, creare ed ampliare il flusso turistico della valle, in particolare nel periodo invernale, costruire un impianto a fune valorizzatore della zona del Doss del Sabion" (Il Sole 24 Ore, 29 settembre 1968)

Cinquant'anni dopo è ferma la consapevolezza che quanto i soci fondatori si erano prefissati è stato raggiunto, ed oggi Pinzolo e la Val Rendena – anche grazie a loro – si possono considerare a tutti gli effetti tra le località di villeggiatura più conosciute e apprezzate sia in Italia che all'estero.
Ci piace ricordare coloro che in quella giornata hanno dato vita ad un sogno: Bonapace Gianfranco, Bruti dott. Pio, Salvaterra Adolfo, Antoniolli Carlo, Cereghini Cesare, Bonapace Luigino, Masè Antonio, Bonapace Fausto, Olivieri Carlo, Zambotti Zeno, Franceschi Emilio, Farina Davide, Vidi Ervino, Maffei Italo, Maffei Antonio, Cereghini Rosario, Maturi Pietro, Manzoni Alfonso, Manzoni Ferruccio, Balduzzi Irma.
A loro va il ringraziamento di Funivie Pinzolo, oggi come allora, determinata a proseguire sul cammino iniziato 50 anni or sono con passione, impegno e convinzione per far crescere il mondo dello sci e del turismo di montagna sia estivo che invernale, in un ambiente naturale unico al mondo che è il nostro patrimonio più prezioso.