Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Dom11192017

Last update11:22:49 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

"La musica sei tu" di Kimbo Ina Vellocet

LA MUSICA SEI TU k 

... Vedi come la musica ha "miliardi di facce"...
La musica è il luogo della scoperta, uno spazio da concepire non come una storia,
o una danza, o altro, ma IL LUOGO DOVE RECARSI: se vuoi andare in quel luogo
devi semplicemente ascoltare.
Respira, stai fermo, muoviti, socchiudi gli occhi, ricrea la tua vita dentro il ritmo della musica
e Lei diventerà la tua medicina. Come fosse una luce che ti attraversa e che guarisce malesseri,
disarmonie e tristezze.
Quando ascolti la musica non ti viene trasmessa solo la musica, ma un'intera esistenza.
Niente è solo musica. Dentro le sue onde vivono immagini, persone, mondi ...
Universi vicini e universi abissalmente lontani.
Una vibrazione invisibile che riesce a superare il tempo e il luogo.
Per me la musica è proprio l'arte per eccellenza.

                               (Kimbo Ina Vellocet)

COVER ART - Gli involucri d'arte della musica . Marilyn Manson, Mechanical Animals – 1998

MARILYN MANSON - MECHANICAL ANIMALS 1
Invasiva, dalle proprietà allarmanti, foriera di materia di tempo futuro prossimo venturo... Mentre non trovo apprezzabile la versione Marilyn /antireligion/depravation, quella costruita sull'immagine aderente al limite del demoniaco, trovo piuttosto coerente e verosimile la proposta avanzata con questo lavoro, per me il preferibile dell'intera sua opera discografica. Tutto il contenuto visivo si rivolge prevalentemente alla descrizione di un "essere" mediano e vagamente turbativo costituito nel dialogo fra elementi di contrasto.

Leggi tutto...

AROVANE TIDES (2000). Modelli di suono neoclassico e moderni tamburi

 AROVANE TIDES - 2000 

Il sound contemporaneo determinato dalle percussioni attraverso sintesi drum'n'bass riconoscibile e ascrivibile al suo tempo di fine millennio. Niente di nuovo sotto il sole, solo la qualità di musicisti in grado di mescolare e trasformare suoni per tradurre talune suggestioni personali, qualche sogno metropolitano...

Leggi tutto...

Frank Zappa, Hot Rats – 1969. COVER ART - Gli involucri d'arte della musica di Kimbo Ina Vellocet

FRANK ZAPPA - HOT RATS 1969 

Uno di quelli che non sai mai come prenderlo, come definirlo: un mostro di genialità, di bizzarria, imbevuto di follia, egocentrico, unico quanto basta per diventare un'icona del rock e molto di più. FRANK ZAPPA (1940-1993) un artista che non si è mai reso disponibile al sistema, un cavaliere anarchico lottatore contro il perbenismo di una società troppo borghese mai capace di comprenderlo.

Leggi tutto...

MUSIC SEVENTIES: ALCUNE OSSERVAZIONI VELOCI. Da la Musica sei tu di KimboIna Vellocet

PICTURES AT AN EXHIBITION 2
... L'arte barocca del "Progressive". Il rock attraversata l'infanzia solare degli Anni '50, si inerpica con tensione adolescente e piena di rabbia nel decennio degli Anni '60, infine affrontando un'età più matura si dispone a privilegiare la sua essenza musicale come vera e propria Arte, tesa a superare le esperienze della musica dedicata principalmente al corpo. Con il "Progressive" la soluzione diviene "seria", per certi versi addirittura troppo mentale e depressiva, ma certo anche colma di energia creativa e di spirito evolutivo.

Leggi tutto...

MUSIC SEVENTIES: ALCUNE OSSERVAZIONI VELOCI. Da la Musica sei tu di Kimbo Ina Vellocet

DEJA VU 1
Iniziano i "Seventy", in una sorta di raggiungimento d'estasi, dentro un nirvana per certi versi profumato di ritorno alla quiete. Proprio le morti dei rockers segnano un certo raffreddamento degli entusiasmi rispetto alla bruciante intensità di ribellione degli anni '60; la psichedelia californiana si trasforma in un balenio campagnolo che consegna nuove e più semplici manifestazioni sonore. Bob Dylan è ancora un idolo anche se rimane lontano, assente dalla condivisione del

Leggi tutto...