Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Dom11192017

Last update11:22:49 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Nasce il Corpo della Polizia Locale di Pinzolo.Sarà istituito dal 1 gennaio 2018

Nasce il Corpo della Polizia Locale di Pinzolo.Sarà istituito dal 1 gennaio 2018

  A partire dal 1° gennaio 2018 sarà istituito con provvedimento del Consiglio Comunale il...

Madonna di Campiglio, per gli sci alpinisti è stata battuta e fresata la pista Pradalago Facile.

Madonna di Campiglio, per gli sci alpinisti è stata battuta e fresata la pista Pradalago Facile.

Per chi volesse praticare lo scialpinismo nel prossimo fine settimana, «è stata battuta e...

Madonna di Campiglio, da sabato 18 novembre si scia al Grostè. Apre in anticipo la stagione invernale nella Perla delle Dolomiti

Madonna di Campiglio, da sabato 18 novembre si scia al Grostè. Apre in anticipo la stagione invernale nella Perla delle Dolomiti

Con sabato 18 novembre inizia la stagione invernale dello sci a Madonna di Campiglio. Come da...

Maffei & Maffei: Alberto e Cecilia, da Campiglio e Pinzolo all'Olimpo dello sport mondiale

Maffei & Maffei: Alberto e Cecilia, da Campiglio e Pinzolo all'Olimpo dello sport mondiale

Alberto Maffei e Cecilia Maffei. Il primo, 22 anni di Madonna di Campiglio, campione di snowbard,...

Notizie val Rendena

Giustino. "L'uomo e il Cristo" di Oscar di Prata ispirano la vita culturale del paese. Dopo il concorso pittorico premiati i migliori scritti del concorso letterario

Serata premiazioni concorso Giustino

Dimostrando come l'arte non abbia confini espressivi e come un'idea possa generare piccoli capolavori in campi diversi, interessare e coinvolgere molte persone e contribuire alla crescita culturale di una comunità, a Giustino l'assessore Carmen Turri è riuscita a trasformare una tela "L'uomo e il Cristo" di Oscar di Prata, omaggiato al Comune dai parenti dello scomparso pittore bresciano, nel motivo ispiratore di una serie di iniziative che hanno caratterizzato la vita culturale del paese e dei suoi ospiti lungo tutto il 2012. Sul tema "la pace e la guerra interiore" suggerito dall'immagine del Crocifisso, nell'autunno si era organizzato un concorso pittorico presso gli alunni delle scuole, molto partecipato, e in questi ultimi mesi un concorso letterario riservato a un brano in prosa e ad uno in poesia , in italiano e in vernacolo, che sono stati premiati sabato sera (5 gennaio) nel corso di una riuscitissima serata al teatro comunale. Hanno fatto da cornice alla consegna dei riconoscimenti il Coro Presanella, con una serie di canti dedicati al loro fondatore e maestro Leo Monfredini, che fu sindaco di Giustino per tanti anni, nel 65° della fondazione del complesso, ed una divertente scenetta "il matto sotto la Croce" – pur essa in relazione al quadro del Cristo - del regista Brunetto Binelli (libero adattamento da Dario Fo) interpretata con notevole bravura dagli attori della Filodrammatica locale.

Il Coro Presanella a Giustino 5 gennaio 2013

Introdotta dal sindaco Luigi Tisi, sempre molto sensibile a iniziative che portino a qualificare la vita del suo paese, che ha ringraziato la famiglia Di Prata per il prezioso dipinto (verrà collocato nella sala di rappresentanza di Casa Diomira, una volta finita la ristrutturazione) e dall'assessore Carmen Turri, dopo una serie di canti la giuria presieduta da Fabrizio da Trieste (composta da Loretta Failoni, Carla Maturi, Carmine Ragozzino e Giuseppe Ciaghi) ha letto i brani dei premiati, cui è seguita la consegna delle targhe. Il primo premio nel settore "racconti" è andato a "Preghiera" della signora Rita Mazzòn di Padova.

Roberta Pelanda di Brione  premiata a giustina - 5 gennaio 2013

 

"Con uno sguardo" della giovane Roberta Pelanda di Brione si è aggiudicato il primo premio nella poesia in italiano, mentre "Signòr su chi!" di Pio Tisi da Giustino si è meritato la palma nel settore della lirica dialettale. Numerosi i partecipanti al concorso, con scritti pervenuti da tutta Italia. Fra costoro sono stati chiamati sul palco la signora Emilia Lorenzi di Fisto, classe 1925 e Giulia Tisi di Giustino, classe 1999, la meno giovane e la più piccola, omaggiate con due bei mazzi di fiori. Teatro pieno, anche di gente venuta dai paesi vicini, una bella festa conclusasi con un signorile rinfresco offerto dal comune di Giustino nell'atrio all'uscita dalla sala.

il sindaco Luigi Tisi con Giordano di Prata e il dipinto di Oscar di Prata - foto Matteo Ciaghi

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna