Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Mer12122018

Last update02:11:00 PM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Quell'illuso del Musón, il blog di Mario Antolini

Sa 'l viàl dé Tió'. Nella scomparsa di Francesco Zubani

al franchino

Il primo giorno del 2018, a Tione, si è portato via Francesco Zubani: per tutti e da tutti conosciuto come Franchino. L'abbiamo incontrato migliaia di volte lungo il viale interno di Tione, sempre sorridente e garbato, col suo costante sorriso sulle labbra, e solo felice di incontrasi con qualcuno col quale salutarsi e, se possibile, anche scambiarsi qualche piacevole parola. L'ho incontrato spesso, e il suo richiamo: «Ciao, Mario...» mi risuona ancora nell'orecchio, come le sue mani che volevano stringere le mie mentre ci scambiavamo qualche parola di circostanza.
Ma, istantaneamente, il pensiero mi ha riportato ad un'altra persona, che su quello stesso viale sostava in carrozzella sempre e solo felice che qualcuno si fermasse, non soltanto a salutarlo, ma anche a spingere quella carrozzella - sulla quale da anni giaceva infermo - per potersi incontrare con altre persone, con qualcuno che anche si fermasse a scambiare qualche parola, fino a che le è stata tolta anche la voce. Molti se lo ricorderanno: Angelo Rodini.
Due veri "personaggi" che hanno illuminato di una diversa luce quel nastro che sembra dividere la borgata, ma che invece unisce la parte occidentale con quella orientale; un viale voluto e realizzato con tanta lungimiranza dai nostri predecessori e che, troppo spesso, ci dimentichiamo di assaporarne e di valorizzarne la sua valenza sociale e socializzante. Franchino e l'Àngel - penso io da povero vecchio - quel viale l'hanno saputo rendere anche "sacro": di quella sacralità che soltanto le persone più colpite da un'esistenza considerata "non normale" sanno imprimere all'esistenza ed alle cose che devono toccare nel vivere e sulle quali lasciano la traccia indelebile del loro passaggio, reso sacro dal loro soffrire e dal loro coraggio di sorridere alla vita anche se intaccata da mali inguaribili.
Possiamo o dobbiamo ricordarcene? Lungo quel lunghissimo viale - e lungo anche altre strade - sono state infisse lapidi, e segni, e nominativi per ricordare personaggi ed eventi del passato. Non sarebbe anche, non tanto doveroso ma come segno di sensibilità comunitaria, mettervi anche un segno di Coloro che lungo quel viale hanno lasciato tanto esempio di vita, tanti sorrisi gratuitamente distribuiti, tanto esempio di come saper prendere la vita così come è e di testimoniarla con tanta semplicità e sempre senza nulla chiedere a nessuno?
Ormai non mi è più dato di percorre quel "mio viale" che ho percorso in su e in giù, incontrando tanta gente che mi ha fatto sempre tanto piacere di incontrare in tanti decenni; persone, i cui troppi ricordi si confondono in una ridda di troppi incontri e di troppe circostanze diverse. Però solo di Franchino e di Angelo mi sono state impresse le belle persone: il sorriso ed il saluto di Franchino, e le risate e le belle chiacchiere e quello spingere la carrozzella di qua e di là a suo piacimento di Angelo.
Per me, il viale resta ancora segnato dai loro passi e dalla loro esemplare ed educativa presenza. Un ricordo indelebile che porterò con me a ricordo di due belle persone che mi hanno insegnato tanto e tanto a come si debba e si possa vivere il meglio possibile. Che loro possano sentire la mia gratitudine unita a quella di tutte e di tutti gli abitanti di Tione.

Mario Antolini Musón

Al Franchino

Nella scomparsa di Francesco Zubani

Tè ne è lasàdi da noàltre da sói
entà 'l dì del prìm de l'àn
del dumilaedesdòt...
entànt che i batùfui de néf
i tè compagnéva sa le vìe del Cel.
Te sé stà fra noàltre e có' noàltre
per tanč àgn a sentìrte én compagnia
e a fàrne bèla e cara compagnia
sempre contént có' i tó òč
che i slùseva 'ncontràndote sa 'l viàl
quàn che tè paséve sémpro "sorridente".
per nàr a laoràr...
Tè saludévi tùč, tè strengévi le mà'
e i tó pàss i è restàdi sa 'l viàl
a ricordarne endó che te sé pasà
col tó contént 'ntà i tó òč
che nó' sóm bóni de desmentegàr.
No te è mai domamdà niènt a negùgn:
te è sól fàt sentìr 'l tó èser có' noàltre;
cól tó èser vìf e contènt dé èserghe
te n'è 'nsegnà có vól dìr
«èser conténč de la "vita"»
come l'è e nò come vorìen che la fudèse.
Noàltre paseróm amó endó che te sè pasà
e a pensàr dé 'ncontràrte amò
e conténč de saludàrte come sempro...
E ti vàrdene giù e salùdene
có i tó òč lùstri come fudèse na caréza
entà 'l tó stàr contént có 'l tó Signór.

Il primo gennaio del 2018.



Àngel...

A ricordo di Angelo Rodini

Tè è sól patì...
e i Tó i à patì con Ti!
Quànč àgn che Té sé stà
én mèz a noàltre
sempre sa la tó caréga có le róde!
Té è sempre cercà de dìrne vergót,
prima có la tó góss che la ridéva
quàn che tè giréve sa la carozèla
per le vie del paéss,
e po' cói tó òč
quan che 'l Signór
dopo avérte portà via le gàmbe
él t'à volèst tòrte ànca la góss.
Tè ghéve na gran vóia de vìver
en mèz a noàltre e có' noàltre...
Enveze Tè è dovèst passar
tuta quanta la tó vita
o quasi ti sól o 'n mèz ai malè...
Tè n'è 'nsegnà 'n mùcio de ròbe
che no lé è de stó mondo:
arént a Ti óm dovèst pensàr
che 'n mèz ai nòss tanč gazèr
ghé ànca le làgrime de quèi che piànč
la fadìga de quèi che i è sempre malè
e 'l dolór de quèi che ghé sta dré.
Nó só sta mai bó de desmentegàr
i tó òč che i parléva pù de na léngua:
i gò amó chì, dinànč ai mé,
e i mé fa compagnia, e i mé pàrla
de vergót che 'l sta sóra de noàltre
endó Te penso có' le tó gàmbe guarìde
e có' la tó góss che la pàrla
al tó Signór che prima 'l t'à bastonà
ma che adèss él tè tègn én brač.
Ciao, Àngel... Recòrdete de noàltre
ànca se nó T'óm fàt tànta compagnia!

Tione-Roncone, 10 gennaio 2005.