Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio03212019

Last update09:50:33 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Quell'illuso del Musón, il blog di Mario Antolini

Nadàl del Dumiladesdòt. La poesia di Mario Antolini Muson

nativita

Sto pensando alle tante amicizie in "giudicarie.com - Amiche ed Amici - e vorrei (se cortesemente mi è permesso) raggiungerli con un ricordo natalizio in dialetto forse un po' amaro ma non tutto può essere trasformato in un gazèr dispersivo. Comunque auguri a Tutte e Tutti per ogni possibile MIGLIOR BENE a tutti i livelli ed in ogni direzione.

Nadàl del Dumiladesdòt

Pòro Nadàl del Dumiladesdòt
cói sentiménč tuč per ària e 'ngatiàdi
per én mondo che 'l né cróda adòss
có' le só màsa ròbe brute e catìve
che le ne ciàpa 'ntàl cò e 'ntàl cór.

Ghè vergót de strano 'ntórna
che no 'l né làsa 'n pàze
ànca se chì, arént a noàltre,
'ntà le nòse Val seràde sù,
'l par che tut el sìa a pòsto
e che tuč i vàga pacìfici per i só sentér
conténč e beàti del só star bé'.

Epùre... sentigóm che né mànca vergót
perché le miserie de tut él mondo,
có' le só guère e i só tanč porèč,
él né stà 'ntórna tuč i dì
e nó 'l né làsa pù vedér bé'
le tante bèle stéle del cél
e gnànca sentìr le gós dei Àngei che i cànta.

A mi 'l mé par 'n Nadàl strač e strac
ànca se l'è pié' de lùci e dé ghìngherli
e có' lé botéghe pù piéne dé le Cése!

Forse, 'l Nadàl, l'è amó bèl e sant
sól entà i cór e 'ntà 'l cò
de tuč quei che i è amó bóni
de vardàrse 'ntà i òč
e de dàrse la mà' cól cór en mà'!

Ma..., se nó sóm òrbi e sórdi
- come 'l dìs él Vangèlo -,
él Nadàl l'è amó 'ntà la stàla del Signór
che 'l l'à volèsta porèta, spuzolénta e scùra
lontà' da Gerusaleme e ànca dai paés...
Él Bambinèl nó l'à volèst el gazèr
e gnànca le luci sal cò
ma sól la nìna-nàna de la só Mama
e 'l fià càlt de n'àsen e de 'n bò...

E noàltre, òm del Dumila e pàsa,
nó sóm pù bóni de far zito
e de vìver senza lampadine sal cò...
Góm màssa pòra del scùr e dél... "silenzio!"
*
Ghè sól de bó' 'l pensér
che i "mercatini" de Nadàl
i fà laoràr e trigàr tanta gént
che la pól guadagnàr vergót
e avérghe ànca èi él só bèl Nadàl!

Natale del Duemiladiciotto. - Povero Natale del duemiladiciotto / coi sentimenti tutti per aria ed ingarbugliati / per un mondo che ci cade addosso / con le sue troppo cose brutte e cattive / che ci colpiscono nella mente e nel cuore. / C'è qualcosa di strano attorno / che non ci lascia in pace / anche se qui, vicino a noi, / nelle nostre Valli chiuse / sembra che tutto sia in ordine / e che tutti vadano tranquilli per i loro sentieri / contenti e beati del loro star bene. / Eppure... sentiamo che ci manca qualcosa / perché le miserie di tutto il mondo / con le sue guerre ed i suoi tanti poveri / ci sta attorno tutti i giorni / e non ci lascia vedere chiare / le tante stelle del cielo / e neppure sentire le voci degli Angeli che cantano. / A me sembra un Natale stracciato e stanco / anche se è pieno di luminarie e di addobbi / e con i negozi più pieni delle chiese. / Forse il Natale è ancora bello e santo / solo nel cuore e nella mente / di tutti coloro che sono tuttora capaci / di guardarsi negli occhi / e di darci la mano col cuore in mano. / Ma..., se non siamo ciechi e sordi / - come dice il Vangelo - / il Natale è tuttora nella stalla del Signore / che l'ha voluta povera, puzzolente e scura / tanto lontana da Gerusalemme e pure dai paesi... / Il Bambin Gesù non ha voluto il chiasso / e neppure le luminarie sul capo /ma soltanto la ninna-nanna di sua Mamma / ed il fiato caldo di un asino e di un bue. / E noi, uomini del Duemila e oltre / non siamo capaci di stare zitti / e di vivere senza luminarie sul capo... / Abbiamo troppo paura del buio e del... "silenzio". * Di buono bi è un solo pensiero: / che i Mercatini di Natale / fanno lavorare ed arrabattarsi tanta gente / che può guadagnare qualcosa.../ e avere anch'essi il loro bèl Natale! - Mario Antolini Musón.