Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Sab11172018

Last update11:39:14 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel
Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Pecore sperdute in val di Nardìs, ancora vive nonostante il maltempo e i predatori

Si era recato per fare una passeggiata in una delle bellissime valli laterali della val Genova,...

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

San Martino, la comunità di Pinzolo in pellegrinaggio a Mantova per ricordare i propri emigranti

C'era monsignor Luigi Bressan quest'anno, il vescovo emerito di Trento, ad accompagnare i...

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

Madonna di Campiglio, impianti aperti al Grostè dal 24 novembre

«Nonostante i numerosi alberi caduti sulle piste, dopo una settimana di intenso lavoro siamo...

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani riapre la strada tra Madonna di Campiglio e Dimaro

Da domani mercoledì 7 novembre è prevista la riapertura del tratto di strada statale 239 tra...

Notizie val Rendena

A Caderzone Terme in mostra la Guerra che verrà curata da Alberto Mosca con la documentazione fotografca e i cimeli della collezione di Danilo Povinelli

DSC 0047

Nella splendida e suggestiva cornice di Palazzo Lodron Bertelli di Caderzone Terme, da alcuni giorni è possibile visitare un'interessante mostra dal titolo "La Guerra che Verrà". Mostra dedicata al primo conflitto mondiale dal 1914 al 1918. Voluta dall'associazione culturale "Museo della Malga" di Caderzone Terme e magistralmente curata da Alberto Mosca con la documentazione fotografca e i cimeli della collezione di Danilo Povinelli. Tantissime le foto riguardanti la Guerra Bianca in Adamello qui appunto ricordata nel centenario della sua fine. Una certa commozione suscitano i cimeli esposti, perché ci fanno capire quanto dura e difficile sia stata la vita in alta quota così, gavette, elmetti, borracce, zoccoli, munizioni, ramponi, bossoli, lanterne e quant'altro ci portano a riflettere sulla tragedia di questi eventi. Le foto sono più di trecento e riguardano, oltre al fronte, anche la vita umile e sofferta degli abitanti dei paesi. Suggestive le immagini dele donne della Val Rendena portatrici di assi e viveri verso il fronte e altre addette al panificio di Pinzolo da dove partiva il pane per le prime linee. L'aiuto degli animali quali cani, muli e asini che tante volte hanno alleviato le fatiche degli uomini costretti a vivere e combattere in condizioni estreme. Tanto altro da vedere tutti i giorni fino al 16 agosto dalle ore 16:00 alle 19:00 e dalle 20:30 alle 22:00.

DSC 0101