Giudicarie.com

il quotidiano delle Giudicarie

Gio11232017

Last update09:55:46 AM

Font Size

Profile

Menu Style

Cpanel

Prima fase primarie Pd, Renzi vince anche in Giudicarie. 32 preferenze dai tesserati per lui su 49 votanti

voto-pd-primarie-ape10

Alla fine la vittoria di Matteo Renzi alle prima fase delle primarie del Partito Democratico (quella riservata agli iscritti) è anche più ampia del previsto. I primi dati ufficiosi diffusi dall'organizzazione del Pd relativi a circa 4mila circoli, sottolineano come l'ex segretario Matteo Renzi abbia totalizzato il 68,22% delle preferenze (141.245 preferenze), il ministro della Giustizia, Andrea Orlando, il 25,42% (52.630) e il governatore della Puglia, Michele Emiliano, il 6,36% (13.168). I voti in tutta Italia sono stati in tutto 266.726, pari al 59,29% dei 449.852 iscritti; affluenza percentuale dunque maggiore rispetto al precedente congresso 2013, quando si fermò al 55,34%, anche se va detto che il numero totale degli iscritti era molto maggiore, 539.000.

Anche in Giudicarie l'affermazione di Renzi è stata netta, seppur con numeri assoluti molto contenuti (49 votanti in totale). Sono tre i Circoli Pd presenti nel nostro comprensorio, quello del Basso Chiese, coordinatrice Angela Collotta, quello delle Giudicarie, con sede a Tione, segretario Anna Pironi, quello della Val Rendena, segretario Walter Facchinelli.
Netta la vittoria di Renzi nel circolo della Val Rendena nella riunione congressuale del 28 marzo. 19 sono stati i votanti sui 19 iscritti: Renzi ha totalizzato 14 voti, contro i 4 di Orlando e l'unico di Emiliano. Nel circolo delle Giudicarie, nella riunione del 25 marzo, su 37 iscritti, hanno votato in 21; 15 per Renzi, 1 per Emiliano e 5 per Orlando. Quest'ultimo vince nel circolo Basso Chiese: sui 10 iscritti, 9 sono stati i votanti nella riunione congressuale con 5 preferenze per Orlando, 1 per Emiliano e 3 per Renzi.

In totale dunque in Giudicarie hanno espresso il proprio voto 49 votanti: 32 sono state le preferenze per Renzi (65,30%), 14 per Orlando (28,57%) e 3 per Emiliano (6,12%).
Un trend che segue quello generale a livello nazionale, con un'affermazione di Renzi più netta rispetto a quanto avvenuto a livello provinciale.
In tutto il Trentino, infatti, su un totale di 1.276 iscritti sono stati 580 i votanti (un'affluenza, dunque del 45,45%, un dato piuttosto basso); 339 le preferenze per Matteo Renzi (58,45% del totale), 212 quelle per Orlando (36,55%) e 29 quelle raccolte da Emilano (5,00%).

Questa prima fase di votazioni, dunque, indicherà i partecipanti alle Convenzioni provinciali (l'elezione dei rappresentanti degli iscritti, sulla base dei voti dei circoli); poi il 9 aprile sarà il turno dei delegati alla Convenzione nazionale.

Il 30 aprile dalle 8 alle 20 si terranno in tutta Italia le primarie "aperte" (può votare chi si dichiara elettore del Pd e versa 2 euro) che determineranno il prossimo segretario dei democratici. Qualora un candidato superi il 50% dei voti sarà proclamato dall'assemblea nazionale domenica 7 maggio, altrimenti sarà la stessa assemblea a eleggere il nuovo segretario nazionale.

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna